Chi siamo

ART. 26

PRESIDENZA DELL’ASSEMBLEA

L’assemblea è presieduta dal Presidente dell’ organo amministrativo o dall’Amministratore Unico o, in mancanza, dalla persona designata dagli intervenuti; il Presidente dell’assemblea verifica la regolarità della costituzione, accerta l’identità e la legittimazione dei presenti, regola il suo svolgimento ed accerta i risultati delle votazioni; degli esiti di tali accertamenti deve essere dato conto nel verbale.
Il verbale deve essere redatto senza indugio a cura del Presidente o, nei casi previsti dalla legge o stabiliti dagli amministratori, dal Notaio.

SEZIONE II AMMINISTRATORI

ART. 27

AMMINISTRATORI

La nomina degli amministratori è riservata alla competenza dei soci lavoratori che possono eleggere uno o più amministratori.
L’Amministratore Unico o la maggioranza degli amministratori è scelta fra i soci.
Gli amministratori restano in carica da uno a tre esercizi, secondo la decisione di volta in volta presa dall’assemblea dei soci e sono rieleggibili.
Agli amministratori spetta il rimborso delle spese sostenute per ragioni del loro ufficio.
Spetta all’assemblea dei soci determinare gli eventuali compensi dovuti agli amministratori per la loro attività collegiale; spetta agli amministratori determinare il compenso dovuto a quelli dei suoi membri che siano investiti di particolari cariche in conformità del presente Statuto.
Gli amministratori sono investiti di tutti i poteri di gestione ordinaria e straordinaria della società per l’attuazione dell’oggetto sociale, salvo la competenza attribuita alla decisione dei soci ai sensi di legge e del presente Statuto.
Gli amministratori, in occasione dell’approvazione del bilancio di esercizio, devono indicare specificamente nella relazione prevista dall’articolo 2428 del Codice Civile, i criteri seguiti nella gestione sociale per il perseguimento dello scopo mutualistico, nonché le ragioni delle determinazioni assunte con riguardo all’ammissione dei nuovi soci.